Barcis: La storia
topspacer
spacing
spacing
spacing
spacing
spacing
Informazioni utili

  • Origini Barcis (da "bacis", bacino): documenti già dall'VIII secolo. Pieve di San Giorgio di Cellis.


  • Antico Cellis distrutto da una frana nel 1314


  • Parrocchiale di San Giovanni (XVI sec.) ampliata nel 1866. Campanile del 1780.


  • Incendio dei tedeschi agosto-settembre 1944


  • Palazzo Centi del XVI sec.


  • Vecchia diga: costruita nel 1903-1905


  • Strada antica, il calvario di Monte Croce "Forcella Crous"


  • Vecchia statale 251: dal 1904


  • Lago: dal 1954 con la seconda diga.


  • Poesia: Giuseppe Malattia della Vallata (1875-1948)

colheight

Radici

 

Radici di una valle

chiusa in millenni di devozione

Contron Andreis Montereale

 

casacca di cielo lontano

elmo di monti chiari e scuri

lotte di fiumi a mare

 

niente di più aspro

che scambiare crode con la vita

 

l'ai sclaponàda (1)

 

solo qualcuno sa

di permeabilità

duttilità e canto

 

BENO FIGNON

 

(1) l'ho presa a sassate

 

 

 

 

Barce: al nom al ven da baçhia,

No però ce mo' ch'i crot,

Che a ge avès volù le barçhie

Par zirà de di e de not.

Barce al voul dì: fat a barçhia,

Fat cioè come un çhiadìn,

Bacis: coppa, in provenzal;

Conca, ossia cymba, in latìn!

Cellis: celu in celtic; scur

Nella conca; quant platà;

Latìn cael-um; Koil-os, grec:

Ch'al voul dì: guoit, ingiavà!

 

GIUSEPPE MALATTIA DELLA VALLATA

 

spacing